Il 12 Aprile 2021 l’Amministrazione Generale delle Dogane in Cina, GACC, ha promulgando due nuovi Regolamenti, il n. 248 intitolato “New version of Registration and Management Rules of Overseas Manufacturers of Imported Food”  e il n. 249  intitolato “New version of Administrative Rules on Imported Food Safety”. I regolamenti entreranno in vigore a partire dal 1 Gennaio 2022 e sostituiranno integralmente la vigente disciplina relativa all’importazione dei prodotti alimentari all’interno del Paese. I due regolamenti, contenenti entrambi norme relative all’export alimentare in Cina apportano diverse modifiche rispetto alla normativa vigente, e richiedono ai produttori esteri di uniformarsi alla normativa per continuare l’attività di commercio con la Cina.

Vediamo le principali novità apportate dai due regolamenti in questione:

Registrazione

Attualmente sono vincolati alla registrazione solamente i produttori/esportatori esteri di prodotti alimentari a base di carne, prodotti ittici, prodotti lattiero-caseari compreso il latte per neonati. Il Regolamento n. 248 ha sostanzialmente ampliato la gamma di prodotti soggetti a registrazione presso la dogana cinese. A partire dal 1° gennaio 2022, tutti i prodotti alimentari senza esclusione di alcuna categoria dovranno essere registrati presso il GACC, ma con modalità differenti in base alla specifica categoria alimentare.

  • La prima modalità di registrazione indiretta è la più onerosa dal punto di vista dei passaggi. Si applica ai produttori di carne e prodotti a base di carne, budelli di salsicce, prodotti acquatici, latticini, prodotti delle api, uova e prodotti a base di uova, oli e grassi commestibili, prodotti di grano farciti, cereali commestibili, prodotti industriali di grano macinato e malto, verdure fresche e disidratate e fagioli secchi, condimenti, noci e semi, frutta secca, chicchi di caffè non tostati e fave di cacao, alimenti dietetici speciali e alimenti salutari, i quali potranno essere registrati tramite richiesta effettuata dalle autorità competenti dei loro paesi/regioni al GACC, nel caso dell’Italia è il Ministero della Salute tramite le ASL competenti per territorio.
  • La seconda modalità di registrazione diretta, più snella si applica ai produttori di beni alimentari non rientranti nelle categorie appena elencate e può essere effettuata direttamente dal produttore per proprio conto o da un agente incaricato sul portale online, per il momento solo in lingua cinese, messo a disposizione dalle Autorità cinesi.

Al fine di verificare la procedura di registrazione per specifici categorie di prodotte è possibile consultare il documento esplicativo messo a disposizione dalla Commissione Europea.

Documentazione

È richiesta una documentazione diversa in base al tipo di registrazione da effettuare
Per la registrazione indiretta è necessario presentare:

  • La lettera di raccomandazione della competente autorità locale del Paese dell’esportatore;
  • La lista dei produttori e dei relativi moduli di richiesta di registrazione;
  • I documenti di identificazione del produttore come la licenza commerciale;
  • La dichiarazione di conformità, proveniente dal produttore, sul rispetto dei requisiti imposti dalla normativa;
  • Un report di valutazione del produttore proveniente dall’autorità locale;
  • Se richiesti dal GACC, i documenti sul sistema di protezione, igiene e sicurezza alimentare, ad esempio la planimetria della fabbrica, delle celle frigorifere.

Per la registrazione indiretta il numero di documenti richiesto è nettamente minore. Per ottenere la registrazione il produttore dovrà presentare:

  • Il modulo di domanda di registrazione;
  • I documenti di identificazione del produttore, come la licenza commerciale rilasciata dall’autorità locale
  • Una dichiarazione del produttore attestante che il prodotto è conforme alla normativa e rispetta tutti i requisiti.

Il certificato di registrazione avrà una durata di 5 anni, un anno in più rispetto a quanto previsto dalla vigente normativa, e potrà essere rinnovato con adeguato preavviso. Il produttore estero è tenuto a notificare alla dogana tutte le eventuali modifiche delle informazioni fornite in fase di registrazione intercorse successivamente alla presentazione della domanda. Il Regolamento n. 249 introduce delle misure più stringenti relative al controllo attraverso l’ausilio si sistemi tecnologici di video ispezione, finalizzate in particolare alle ispezioni e valutazioni della conformità dei prodotti importati.

Etichettatura

Le nuove misure amministrative stabiliscono speciali requisiti di etichettatura dettagliati per alcuni prodotti destinati all’export alimentare in Cina. Diviene obbligatorio apporre su ogni imballaggio, di qualsiasi prodotto alimentare, esterno ed interno, il numero di registrazione presso il GACC. Per le importazioni di carne fresca e congelata, l’imballaggio interno ed esterno deve avere etichette in cinese e inglese o in cinese e nella lingua del paese esportatore che siano fissate in modo sicuro, chiare e facili da riconoscere. Inoltre, viene ampliata la gamma dei prodotti per i quali è vietato l’utilizzo di etichette adesive ed è obbligatorio stampare direttamente l’etichetta sul packaging, dal 1° gennaio 2022 anche per latte artificiale in polvere per neonati e bambini piccoli, a tutti gli alimenti dietetici speciali, inclusi alimenti per scopi medici speciali, alimenti complementari per neonati e bambini piccoli e alimenti salutari.

Per avere maggiori informazioni riguardanti l’export alimentare in Cina, l’obbligo e le modalità di registrazione presso il GACC contattaci attraverso il form in questa pagina.